GLOBAL PRIORITY LIST OF ANTIBIOTIC-RESISTANT BACTERIA TO GUIDE RESEARCH, DISCOVERY, AND DEVELOPMENT OF NEW ANTIBIOTICS

L’OMS ha pubblicato di recente la lista di 12 batteri resistenti agli antibiotici contro i quali indirizzare la ricerca e lo sviluppo di nuovi antibiotici, suddividendoli in tre gruppi:

–     priorità 1, critici,: Acinetobacter baumannii resistente ai carbapenemi; Pseudomonas aeruginosa resistente ai carbapenemi; Enterobacteriaceae (incluse K. pneumonia, E. coli, Enterobacter spp, Serratia spp, Proteus spp., Providencia spp, Morganella spp) resistenti ai carbapenemi e alle cefalosporine di 3° generazione.

–     priorità 2, alta,: E. faecium vancomycina-resistente; S aureus meticillina-resistente, vancomicina intermedia e resistente; Helicobacter pylori claritromicina-resistente; Campylobacter,fluoroquinolone-resistente; Salmonella spp fluorochinolone-resistente; Neisseria gonorrhoeae resistente alle cefalosporine di 3° generazione o ai fluorochinoloni

–     priorità 3, media: Streptococcus pneumoniae non sensibile alla penicillina; Haemophilus influenzae resistente all’ampicillina; Shigella spp resistente ai fluorochinoloni

I Micobatteri non sono qui considerati essendo già attive iniziative nei loro confronti

Link: http://www.who.int/medicines/publications/WHO-PPL-Short_Summary_25Feb-ET_NM_WHO.pdf?ua=1

0 commenti

Lascia un Commento

SIMPIOS incoraggia i lettori al dibattito ed al libero scambio di opinioni sugli argomenti oggetto di discussione nei nostri articoli. I commenti non devono necessariamente rispettare la visione editoriale ma la redazione si riserva il diritto di non pubblicare interventi che per stile, linguaggio e toni possano essere considerati non idonei allo spirito della discussione, contrari al buon gusto ed in grado di offendere la sensibilita` degli altri utenti. Non verranno peraltro pubblicati contributi in qualsiasi modo diffamatori, razzisti, ingiuriosi, osceni, lesivi della privacy di terzi e delle norme del diritto d autore, messaggi commerciali o promozionali, propaganda politica.

Lascia un commento