Niente antibiotici in oltre 1600 allevamenti: cresce la filiera certificata per carne e uova – LA CAMPAGNA DI COOP E MINISTERO

LA STAMPA – Domenica 30 aprile 2017 (Agricoltura, pag. 19)

 

14 milioni i capi avicoli, bovini e suini che saranno interessati dal progetto Coop Italia

 

La salute delle persone e il benessere degli animali: Parte da queste premesse la campagna “Alleviamo la salute” per far arrivare sugli scaffali dei supermercati carne e uova, a marchio Coop, di animali allevati senza l’uso di antibiotici. La Coop lancia l’iniziativa in collaborazione con il Ministero dele politiche Agricole per contribuire a contrastare  “l’antibiotico resistenza”. Dal punto di vista della prima azienda della moderna distribuzione il Italia – 8,5 milioni di soci e 1.100 punti vendita – si tratta di “una vera e propria rivoluzione nella gestione degli allevamenti degli animali da reddito in Italia con l’impegno di Coop, da sempre rivolto alla tutela della salute umana, al benessere animale”.

La campagna procederà per step e coinvolgerà altre 1600 allevamenti – gli stessi da cui provengono le filiere di carne a marchio Coop – a cominciare dalle carni avicole (pollame) e in seguito bovini e suini. In un anno dovrebbero essere interessati più di 14 milioni di capi. “Generando un’azione virtuosa sugli allevamenti si arriva a prodotti migliori sullo scaffale e quindi al consumatore”, spiega Marco Perdoni, presidente Coop Italia, da sempre attenta alla qualità delle filiere zootecniche senza antibiotici. I primi risultati di questo impegno sono già presenti in alcuni prodotti sugli scaffali dalla fine dell’anno scorso.

L’iniziativa della Coop punta a prevenire gli effetti della “antibiotico resistenza” che mina la salute delle persone e degli animali: vi sono previsioni che stimano un aumento della mortalità nel mondo dalle attuali 700.000 a 10 milioni di persone nel 2050. Per questo motivo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, l’Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare e il Governo hanno da tempo lanciato l’allarme riguardo la necessità di ridurre l’abuso e l’uso non corretto deli antibiotici negli allevamenti di animali da reddito per preservare la salute pubblica.

[M.TR]

BYNCND ALCUNI DIRITTI RISERVATI

0 commenti

Lascia un Commento

SIMPIOS incoraggia i lettori al dibattito ed al libero scambio di opinioni sugli argomenti oggetto di discussione nei nostri articoli. I commenti non devono necessariamente rispettare la visione editoriale ma la redazione si riserva il diritto di non pubblicare interventi che per stile, linguaggio e toni possano essere considerati non idonei allo spirito della discussione, contrari al buon gusto ed in grado di offendere la sensibilita` degli altri utenti. Non verranno peraltro pubblicati contributi in qualsiasi modo diffamatori, razzisti, ingiuriosi, osceni, lesivi della privacy di terzi e delle norme del diritto d autore, messaggi commerciali o promozionali, propaganda politica.

Lascia un commento